Carnevale con polemica per Barbara d'Urso

La bella e procace conduttrice Barbara d'Urso non è nuova alle polemiche. Quello che, forse, non si sarebbe aspettata, era di veder scattare un vero e proprio caso mediatico per una foto pubblicata il 9 Febbraio sulla sua pagina Facebook.

La pagina, che conta più di 800.000 "mi piace" non è nuova a dibattiti contrastanti tra i fans. C'è chi difende a spada tratta i post di Barbarella (uno dei nomignoli con cui viene chiamata), mentre altri criticano duramente la presentatrice per i suoi comportamenti, o per quello che viene pubblicato.

Questa volta non è stato tanto quello fatto, o detto, dalla d'Urso, ma il travestimento per Carnevale scelto da una bambina. La piccola, ha infatti scelto di vestirsi in modo da assomigliare alla conduttrice. Inclusa una cartelletta con scritto "Domenica Live", la trasmissione che va in onda su ogni domenica Canale 5, che è ormai arrivata alla sua quarta edizione.

Uno dei commenti più taglienti è stato quello di un'altra bellezza del piccolo schermo, e di Facebook. Quello della conduttrice, e blogger, Selvaggia Lucarelli. Il suo "assistenti sociali subito" ha fatto sorridere molti utenti del social network, ma anche infuriare altri. C'è chi ha visto un segno di degrado in questo ennesimo comportamento difficile da capire di un bambino. I bambini moderni non vogliono più travestirsi da pulcinella, da zorro oppure da fatina, ma da divi del piccolo schermo. I giovani di oggi hanno gusti molto diversi da chi è cresciuto in un'epoca non così condizionata dai televisori, e da Internet.

Se i bambini, fino a non molti anni fa, sognavano di essere semplicemente un calciatore, oppure un astronauta, o qualche altra professione, adesso, i più, sembrano aspirare a ben altro. I sogni per il loro futuro sono molto più banali, e di minore importanza. Alla classica domanda "cosa vuoi fare da grande?" molti rispondono dicendo di voler diventare un tronista di Uomini e Donne, oppure di voler partecipare al "Grande Fratello" o a qualche altro reality show. Sembra quasi che le tradizioni con cui tanti di noi sono cresciuti stiano cedendo il passo alle mode create per il piccolo schermo.

Molti, comunque, non si sono scandalizzati così tanto di quello accaduto, e hanno visto il tutto come un'innocente trovata di una bambina che, solo per qualche ora, ha voluto vestire i panni di un volto noto.

Comunque, quello che dovrebbe realmente preoccupare, non è tanto il cambio di gusti generazionali, ma il tempo che i bambini passano ogni giorno davanti al televisore. Spesso senza un adulto che li possa controllare, o dare spiegazioni su quello che non sono in grado di capire.

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

 
Top
Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, Solaci 2008 e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner acconsenti al loro impiego in conformita' alla nostra Cookie Policy. More details…